Infodemia, se le informazioni annebbiano il cervello

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su print

L’emergenza coronavirus che viviamo vede impegnate in prima linea molte delle nazioni per fronteggiare un virus in rapida espansione ma c’è un problema maggiore: l’infodemia.

C’è la paura, la grande paura. Siamo inondati da tante informazioni e aggiornamenti sul coronavirus, una pioggia di notizie che ha portato all’infodemia, termine sempre più utilizzato. Ma di che si tratta?

Riaprendo la classica Treccani, l’infodemia non è altro che la circolazione di notizie o informazioni, spesso non vagliate o verificate con attenzione, che rendono difficile l’individuazione di fonti attendibili. 

COSA DICE L’OMS

Questa volta, non è solo un termine coniato da qualche filosofo o sociologo, ma è un vero e proprio problema che si sta verificando in parallelo alla pandemia, certificato anche da un’istituzione internazionale, l’Organizzazione mondiale della sanità. 

L’OMS è in prima linea: la nostra capacità di comprensione delle informazioni incomincia ad avere una distorsione nel momento in cui ci troviamo a doverle ricostruirle. L’Organizzazione, oltre al virus, deve gestire gli effetti che gli allarmismi provocano nella popolazione, e che si traducono in razzismo, procurato allarme (non in senso giuridico) e guerra nei social. 

Una cosa è certa, oramai: non è una semplice influenza e ha sicuramente un tasso di mortalità superiore, ma è anche vero che i dati vanno saputi leggere, interpretare e capire. 

Alcuni giornalisti professionisti, direttori e conduttori di telegiornali o talk show a volte esagerano con titoli troppo crudi rispetto a quanto scritto in un articolo o sostenuto in diretta. 

COMUNICARE E’ COMPLICATO

Comunicare e la comunicazione in generale è un mestiere complesso, non può essere ammesso improvvisare. Non servono titoli “forti” e notizie che creano scalpore, con attendibilità incerte, senza però tener conto di ciò che arriva o potrebbe arrivare alle persone. Le conseguenze, i risvolti, le contaminazioni, non solo virulente.

Quando ci si trova in una situazione così delicata, il fenomeno dell’infodemia si accende. Forse peggiore anche dell’epidemia stessa, aizzata dall’incompetenza, dalla poca preparazione e dall’improvvisazione. 

Se dovessimo pensarci, quantomeno in Italia, la comunicazione, per quanto presente e in via di sviluppo, è sottovalutata ancora. Si pensi alle pubbliche amministrazioni o alle aziende. Ancora oggi troppi compiti che dovrebbero essere dati ad una figura esperta in comunicazione, vengono assegnate ad altre figure.

Non è sicuramente tempo di polemiche, ma bisogna iniziare a ragionare di comunicazione in termini nuovi e diversi. Una sfida che, alla fine di questo tempo, bisognerà cominciare a prendere con assoluta attenzione, senza rimandare o minimizzare.

Per noi semplificare e scegliere è un’attività quotidiana attraverso le nostre pratiche e consulenze. Scegliere ed aiutare a essere consapevoli. Non solo nella comunicazione.

Ti potrebbe interessare anche...

PungolaMenti

Digital Learning: i “serious games”

Cosa sono e perché sono utili ed efficaci. Le particolari situazioni a cui siamo stati sottoposti nel 2020 hanno sicuramente accelerato molti processi già in

MentiPratiche news

PAROLA D’ORDINE: INNOVAZIONE 4.0

Menti Pratiche si prepara al lancio della nuova piattaforma digitale. E’ il nostro leitmotiv: chi non si evolve muore! E’ per questo che oggi più